English Italiano Francais Deutsch Espanol  
Accesso alla Banca dati
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
 
 
News
03 luglio 2009
Mostra “L’Iconografia della SS. Trinità” al Santuario di Oropa
Sino al 19 luglio avrà luogo un’esposizione sul culto della SS. Trinità nel confronto della realtà figurativa di Ghiffa con quelle di alcune località della diocesi di Novara e della Svizzera.
Sino al 19 luglio 2009 il Santuario di Oropa (BI) ospiterà la mostra “L’Iconografia della SS. Trinità”. L’esposizione propone al pubblico un percorso d'immagini alla scoperta della Trinità a tre figure nel territorio della diocesi di Novara a confronto con altri esempi significativi.

Nel dettaglio il percorso sarà articolato in due grandi sezioni: 1. il contesto 2. i confronti.
Nella sezione dedicata al contesto vengono proposte le immagini di tutte le forme ed i modi di rappresentazione della SS.Trinità presenti nel Sacro Monte di Ghiffa
Nella sezione dedicata ai confronti si propongono le immagini di tutte le rappresentazioni della SS.Trinità secondo i più rari tipi delle tre figure identiche e delle figure tricefale e trifonti reperite sul territorio della diocesi di Novara e nei vicini territori svizzeri ticinesi.

La rassegna, raccolta grazie al paziente censimento del prof. Vittorio Morio, affiancato dalle collaboratrici della Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte di Oropa Barbara Perazzi, Laura Prini ed Elena Poletti Ecclesia, comprende quasi una trentina di esempi tutt’ora conservati, e può suggerire un itinerario di scoperta insolito di luoghi e rappresentazioni sacre particolarmente interessanti.


Argomento dell’esposizione

Fra i temi dell'arte sacra, quello della SS.Trinità è tra i più complessi e ricchi di problematiche che coinvolgono la sfera teologica.
Sin dai primi secoli del Cristianesimo, accanto al dibattito tra i teologi per stabilire le relazioni tra le tre persone uguali e distinte in Dio, anche gli artisti si sono cimentati nella questione, ricercando il modo di rappresentare l 'idea del Dio Uno e Trino. Il “mistero” dell'unità e trinità divina è stato così raffigurato in vari modi, alcuni dei quali presenti anche al Sacro Monte di Ghiffa, dedicato appunto alla SS.Trinità:

- La Trinità rappresentata tramite tre persone uguali e distinte: è probabilmente la soluzione più antica e si rifà all'episodio biblico in cui ad Abramo appaiono tre angeli, che viene considerato una anticipazione del mistero trinitario (“Tres vidit et unum adoravit”, secondo l'interpretazione che ne diede Sant'Agostino).
- La Trinità rappresentata tramite una figura a tre teste o una testa a tre volti (trifrons): il primo tipo, molto raro, il secondo un poco più comune, sono stati entrambi presto rifiutati dalla Chiesa per la loro “mostruosità” e per il richiamo a figure mitologiche pagane.
- La Trinità rappresentata tramite tre figure distinte e differenti: il Padre Eterno come uomo anziano, il Figlio nella forma umana del Cristo (sulla croce, oppure trionfante o, ancora, in altri atteggiamenti legati alla sua vita terrena), lo Spirito Santo come colomba. Questo tipo di raffigurazione, molto comune in tutte le epoche, è stato definito dalla Chiesa come l'unico corretto ed ammissibile con la bolla “Sollicitudini nostrae” di Benedetto XIV nel 1745.

Malgrado le disposizioni della bolla papale, alcune rappresentazioni nei modi più antichi sopra descritti vennero mantenute anche dopo il 1745, come emblematicamente si osserva a Ghiffa, dove l’immagine più antica presente nel Santuario convive con l 'iconografia canonica utilizzata, oltre che nel santuario, nelle cappelle.


Coordinate dell’esposizione:

Titolo: L’Iconografia della SS. Trinità

Date: 03 – 19 luglio 2009. Ingresso dalle ore 9.00 alle ore 18.00.

Luogo: Santuario di Oropa (Sala della Dottrina), Via Santuario di Oropa 480, 13900 Oropa – Biella. Ingresso libero e gratuito.

Info: tel. 015 25551200; e-mail: info@santuariodioropa.it
Archivio News

    Credits    Mappa del sito    Cookie Policy

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Torino
(n.14 del 02/04/2009)

Sacrimonti.net UNESCO PROGETTO INTERREG ITALIA SVIZZERA Beni Culturali REGIONE LOMBARDIA Regione Piemonte