English Italiano Francais Deutsch Espanol  
Accesso alla Banca dati
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
 
 
News
19 marzo 2009
Aperura stagionale del Museo del Santuario del Sacro Monte sopra Varese
Il 19 marzo, in occasione della festa di S. Giuseppe, il Museo Baroffio e del Santuario del Sacro Monte sopra Varese organizza un itinerario dal titolo “Misteri e immagini di S. Giuseppe”, a cura di Laura Marazzi.
Sabato 14 marzo 2009 è iniziata una nuova stagione del Museo Baroffio e del Santuario del Sacro Monte sopra Varese.
Il Museo sorge in splendida posizione panoramica accanto al Santuario di S. Maria del Monte, di cui custodisce importanti testimonianze artistiche (sculture, miniature, paliotti dall’età medievale al Seicento), oltre alla collezione del barone Giuseppe Baroffio Dall’Aglio, con ceramiche e dipinti lombardi, emiliani, fiamminghi e olandesi dal XV al XVIII secolo, e la donazione di Monsignor Pasquale Macchi, con una settantina di opere del Novecento.
Un inaspettato patrimonio disposto in un piacevole e articolato percorso: dalle ampie sale dei due piani di concezione novecentesca agli antichi e suggestivi locali incastonati nel fianco della chiesa, acquisiti con il recente restauro.


VISITA TEMATICA (19 marzo 2009, ore 15 - “Misteri e immagini di S. Giuseppe”)

Continua l’apprezzata serie di visite tematiche a cura di Laura Marazzi, conservatrice del Museo. Per giovedì 19 marzo, festa di S. Giuseppe e di tutti i papà, è previsto un itinerario dal titolo “Misteri e immagini di S. Giuseppe”, percorso alla scoperta di un personaggio tanto familiare quanto enigmatico. La narrazione evangelica lo presenta come un uomo giusto, umile falegname a Nazareth, che accolse come sposa Maria, benché incinta: superò ogni convenzione sociale in nome della fiducia nelle parole dell’angelo e accettò il difficile ruolo di padre putativo di Gesù. Tuttavia, malgrado l’assunzione di tale importante responsabilità, gli evangelisti non gli fanno pronunciare nemmeno una parola. Giuseppe scompare in silenzio, così com’era vissuto: non sappiamo quando morì né dove fu sepolto. La sobrietà del testo neotestamentario è arricchita dai vivaci racconti apocrifi, e nella tradizione artistica la sua presenza è consistente e rilevante. Perché S. Giuseppe è quasi sempre raffigurato come un vecchio? Perché invece Guttuso lo rappresenta giovane e ne marca i lineamenti? Perché spesso ha in mano un bastoncino fiorito al posto del più comune giglio bianco?
L’appuntamento è per le ore 15 . La visita guidata è compresa nel prezzo del biglietto d’ingresso del Museo (3 €; 1 €), ma per l’occasione a tutti coloro che si chiamano Giuseppe sarà offerta l’entrata gratuita .


Gli orari di apertura del Museo sono i seguenti: giovedì, sabato e domenica 9,30 – 12,30; 15 - 18,30). È possibile la prenotazione di aperture straordinarie per gruppi anche poco numerosi (8/10 persone).


Per informazioni:
Museo Baroffio e del Santuario del Sacro Monte sopra Varese
Piazzetta Monastero
21100 - Varese
Tel./fax: 0332 212042
E-mail: info@museobaroffio.it
www.museobaroffio.it

Archivio News

    Credits    Mappa del sito    Cookie Policy

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Torino
(n.14 del 02/04/2009)

Sacrimonti.net UNESCO PROGETTO INTERREG ITALIA SVIZZERA Beni Culturali REGIONE LOMBARDIA Regione Piemonte