English Italiano Francais Deutsch Espanol  
Accesso alla Banca dati
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
 
 
Arte documento della realtà
 

sacrimontiI pittori e gli scultori che si cimentarono nell’arte di ammaestrare il pellegrino con l’allestimento nelle cappelle di scene narranti episodi sacri, seppur influenzati dalle regole impartite dalle autorità religiose, seppero manifestare la loro genialità artistica anche nel riprodurre la realtà culturale e tradizionale dei luoghi.

Essi riproducevano, nei personaggi, nei luoghi e negli oggetti, una realtà complessa che sollecitava in modo immediato la fantasia di chi la contemplava, proprio perché proposta in continuo movimento fra gli aspetti immaginati e idealizzati dei luoghi lontani dove l’azione storica era avvenuta e quelli più riconoscibili dell’ambiente domestico contemporaneo.

A quel tempo, la commistione dei due aspetti era sicuramente un mezzo espressivo efficace nel trasformare in esempi didascalici gli episodi avvenuti in luoghi lontanissimi, ma anche un modo per coinvolgere emotivamente il pellegrino che, col riconoscimento del proprio ambiente quotidiano, si sentiva anch’esso attore della scena rappresentata.

Oggi, le statue, gli abiti e le parrucche che le ricoprono, gli arredi, gli animali e gli oggetti usati dai personaggi rappresentati nelle cappelle dei Sacri Monti, sono per noi degli straordinari documenti di quella realtà storica. E infatti, pur nella diversa impostazione scenografica o nel diverso uso di tecniche e materiali adottati dagli artisti, gli indumenti, i calzari e gli accessori che ricoprono le statue sono spesso delle fedeli riproduzioni delle mode e delle fogge di abbigliamento in uso all’epoca.

sacri montiVolti, atteggiamenti, espressioni, gestualità e persino sintomi di malattie sono una sorta di immagine vera delle caratteristiche umane delle popolazioni locali, essendo queste usate come modelli dagli artisti che operavano nei Sacri Monti. Allo stesso modo, vasellame, bardature equestri, attrezzi di mestieri, strumenti musicali, armi e suppellettili fra le più varie ci permettono di aprire una finestra di curiosa osservazione sui costumi e le condizioni di vita del tempo.

Se queste rappresentazioni della realtà negli allestimenti d’interni favorivano intensamente il processo psicologico di identificazione personale dell’uomo del tempo, per l’osservatore di oggi, tutti i dettagli usciti dalla immaginazione dei pittori e degli scultori, sono talvolta dei rari documenti dell’evoluzione della tecnica e chiavi di lettura ancora efficaci per conoscere gli usi e i costumi di coloro ai quali il messaggio religioso era diretto.



divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore
divisore

Testi tratti da:
F. Fontana, R. Lodari, P. Sorrenti, Luoghi e vie di pellegrinaggio. I Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia , 2004, pubblicati dal Centro di Documentazione dei Sacri Monti, Calvari e Complessi devozionali europei.

    Credits    Mappa del sito    Cookie Policy

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Torino
(n.14 del 02/04/2009)

Sacrimonti.net UNESCO PROGETTO INTERREG ITALIA SVIZZERA Beni Culturali REGIONE LOMBARDIA Regione Piemonte